Materassi a molle

 

MATERASSI A MOLLE

Il nucleo del materasso è formato da molle che garantiscono elasticità e solidità. Sono considerati i molleggi tradizionali, hanno una struttura interna uniforme. Le molle sono eguali su tutta la superficie.

Nella scelta del materasso a molle e bene valutarne la silenziosità. Un materasso di qualità è silenzioso e durante la notte non disturba il sonno.

 

 

 

COME SCEGLIERE UN MATERASSO A MOLLE

Un materasso a molle di qualità è caratterizzato da un elevato numero di molle. Maggiore è il numero di molle, maggiori sono i punti di appoggio del corpo, minore stress subisce l’intero molleggio nell’arco della vita del prodotto. Un materasso a molle di qualità presenta un bordo perimetrale in espanso ad alta densità. Una carenatura perimetrale rigida ad alta densità che supporta perfettamente il peso del corpo quando il Consumatore si siede sul bordo del materasso al risveglio. Questa stessa struttura perimetrale, aiuta a contenere il corpo duranti i movimenti notturni quando ci si sporge al limite del bordo laterale.

Un materasso a molle di qualità presenta al suo interno, posizionato su tutta la superficie, direttamente sopra il molleggio, uno strato di feltro che ha il compito di armonizzare il molleggio e donare stabilità e robustezza al materasso. Un ulteriore elemento interno del materasso da non sottovalutare è lo strato realizzato in espanso, che, posizionato subito sotto il rivestimento, ne determina il grado di morbidezza. Lo spessore, la densità e la portanza di questo strato, collocato molto vicino la superficie di appoggio, giocano un ruolo fondamentale sull’ergonomia del materasso.

Sul mercato esistono diversi tipi di materassi a molle di vari tipi e di varie misure, dai singoli, alla piazza e mezza, sino ai matrimoniali, ognuna di esse ha caratteristiche particolari e reagisce in modo diverso alle sollecitazioni. Per chi decidesse di acquistare un materasso a molle il consiglio è di informarsi dal punto di vista tecnico ma soprattutto di recarsi in un punto vendita e provare i modelli disponibili per capire quale tipo risponda meglio alle proprie esigenze.

 

 

Materassi a molle Bonnell

Le molle Bonnell vengono prodotte a partire dagli anni Novanta del XIX secolo e sono in uso tutt’ora. Le molle hanno forma a clessidra, vengono disposte in file e collegate le une alle altre da un cavo a spirale, offrono un sostegno progressivo infatti all’inizio cedono facilmente ma poi garantiscono un sostegno forte e deciso.

Materassi a molle LFK

Le molle LFK sono più leggere rispetto alle Bonnell, hanno forma cilindrica e diametri piccoli caratteristica che porta all’impiego di un numero maggiore di molle che permette al materasso di adattarsi e seguire meglio la forma del corpo. I materassi a molle LFK sostengono il peso del corpo e risultano confortevoli.

Materassi a molle Indipendenti

Nel

sistema a molle indipendenti ogni singola molla è racchiusa in un

sacchetto di tessuto, aspetto che determina una gestione accurata dei pesi

infatti ogni molla reagisce alla pressione senza trasmettere il movimento a

tutta la superficie. I materassi a molle indipendenti riescono

ad adattarsi molto bene al corpo di conseguenza raggiungono livelli

altissimi di sostegno e comfort. Sono consigliati soprattutto nella versione

matrimoniale quando le persone hanno corporature differenti perché la risposta

è proporzionata al peso di ognuno e rimane circoscritta.

 

 

Descrizione: Materasso a molle insacchettate

 

 

 

Le

variabili che incidono sulla percezione di comfort di un materasso sono molte,

a partire dal tipo di molle, al numero, fino ad arrivare all’imbottitura.

 

Lo

sviluppo tecnologico ha permesso di diversificare forma e spessore delle molle

in modo da offrire un sostegno più o meno intenso per venire incontro alle

necessità individuali.

 

Occorre

dare importanza anche all’imbottitura, posizionata sulla parte esterna, che può

essere in schiuma viscoelastica, in lattice, in piuma d’oca ecc… tenendo

presente che la qualità del

materiale usato incide sulla sensazione di morbidezza ed anche sul prezzo

finale del materasso a molle.

 

Scegliere

un buon materasso a molle, adatto a garantire una corretta postura della colonna ma anche un buon comfort secondo i gusti di chi deve dormirci,

aiuta a favorire una delle attività primarie e fondamentali per il nostro

organismo: il sonno.

 

 

Caratteristiche

 

 

I vari

modelli di materassi a molle,

differiscono fra loro appunto per le molle.

 

 

il

materasso a molle ha un’anima costituita, appunto, da un fitto reticolo di molle di acciaio.

 

Le

molle, poi, sono rivestite da vari strati di materiale isolante con lo scopo di

aumentare il comfort di chi si stende sul materasso. Generalmente, per questo

rivestimento si usano il lattice o la schiuma

di poliuretano che oltre ad

essere materiali isolanti sono anche ammortizzanti e traspiranti. Infatti, un

buon materasso deve essere prima di tutto traspirante, per evitare che al suo

interno si formi la condensa. Sopra questo rivestimento, infine, c’è la fodera

del materasso. Molte case produttrici, commercializzano materassi con fodera asportabile.

 

Ci sono

vantaggi e svantaggi. Il vantaggio primario è sicuramente una maggiore igiene e

una lotta all’ultimo sangue contro gli acari responsabili di molte allergie. Un

altro aspetto positivo è che si può “mettere a nudo” la struttura interna del

materasso, verificando l’attendibilità e la veridicità dell’azienda che l’ha

venduto. Tuttavia sono numerosi anche gli svantaggi di un materasso

completamente sfoderabile. Primo fra tutti il costo maggiore rispetto allo

stesso modello “non sfoderabile”. E poi, la fodera, se non lavata

correttamente, può restringersi finendo per non riuscire a contenere più il

materasso. Ad ogni modo, è poco pratico riuscire a rifoderare il materasso. Chi

non avesse particolari esigenze, può comprare tranquillamente un materasso a

molle non sfoderabile.

 

Esistono

diversi tipi di molle, realizzare per lo più con fili di acciaio di diverso

spessore e numero per permettere di creare diverse tipologie di materessa a

molle. E' evidente che maggiore è il numero delle molle minore è anche la loro

dimensione e maggiore è il confort potendosi adattare alle diverse parti del

corpo con maggiore precisione. Si può dire che per garantire il livello minimo

di confort e di sostegno possiamo dire che per un materasso singolo le molle

dovrebbero essere almeno 192 mentre 384 nel materasso matrimoniale.

Sull'etichetta potremo leggere ad esempio la quantità di molle presenti in

lunghezza e larghezza. Quindi un meterasso singolo che misura 80x190 cm

dovrebbe avere come minimo 8 file di molle in larghezza e 24 in lunghezza per

un totale di 192 molle. Occorre poi prestazre attenzione anche all'altezza

complessiva del materasso. Un buon materasso a molle deve essere dotato di uno spessore

elevato e la presenza di rinforzi laterali che sostengo il materasso nel caso

vi sediate lungo il bordo.

 

 

 

Ecco

perché: piccole azioni quotidiane come alzarsi dal letto o stare seduti

comportano l’usura di piccole porzioni di materasso, solitamente in prossimità

del bordo.

 

Ma

siccome le molle all’interno sono legate fra loro, l’usura di quelle esterne

compromette poi anche l’usura delle altre, alterando lo “stato di salute”

generale del materasso. Il materasso a molle è indicato soprattutto per le persone

di corporatura robusta.

 

La

tecnologia, ha fatto passi da gigante anche in questo settore, proponendo sul

mercato dei nuovi tipi di materassi detti “a molle insacchettate”. Si tratta di

molle confezionate e isolate singolarmente dentro appositi sacchetti testati

per resistere all’usura.

 

 

Lo

scopo di questi modelli è quello di garantire maggior comfort poiché le molle

insacchettate agiscono indipendentemente l’una dall’altra e hanno una diversa

portanza per assecondare meglio i movimenti e sostenere bene le diverse parti

del corpo.

 

Il

molleggio di un materasso “a molle” può essere quindi mono-zona o multi-zona a

seconda che si tratti di molle tradizionali o di quelle insacchettate

singolarmente. Ricordarsi sempre che il materasso deve rispettare la forma

sinusoidale della colonna vertebrale.

 

 

D'altra

parte l'altro vantaggio del materasso sfoderabile è che si può vedere veramente

quello presente all'interno e non avere soprese anche se l'azienda da cui si

sta comprando è conosciuta.

 

Sotto

il rivestimento esterno vengono inseriti strati di imbottitura in diversi

materiali, ammortizzanti e isolanti, preferibilmente naturali, son lo scopo di

non avere la molla a diretto

 

contatto

con la propria schiena o il proprio sedere! Molto spesso si usano materiali come

il lattice o la schiuma di poliuretano per aumentare l'effetto ammortizzante

delle molle. Sotto questi strati poi vi sono le molle, un complesso reticolo di

fili di acciaio che rappresentano il cuore di ogni materessso a molle.

 

Le

moderne tecnologie di creazione dei materassi a molle hanno profdotto quello

che viene definito chiamato materasso a molle insachettate. Le molle sono

rachiuse all'interno di una sacchetto di tessuto apposito ad alta resistenza di

usura, per garantire un amaggior confort agendo in modo indipendente le una

dalle altre.

 

Le

caratteristiche perculiare dei materassi a molle sono quelli di permettere una

buona ventilazione interna offrendo un buon sostegno soprattutto per persone di

corporatura robusta. Non a caso in america il meterasso più venduto è proprio

quello a molle vista la media di popolazione in sovrappeso. In america poi, lo

spessore di un materasso a molle tradizione è quasi il doppio del nostro.

 

Altra

caratteristica importante dei materssi a molle è l'elevata ventilazione

interna, regolata anche da particolari fori laterali a cui si applicano gli

areatori, quindi è un materasso ideale per persone che soffrono particolarmente

il caldo o che in generale sudano molto anche da riposo.

 

Associato

al materasso a molle è importante scegliere la base d'appoggio ossia quella che

in passato si chiamava rete ma che ora si realizza in doghe di legno a diversi

spessori. Per avere il meglio del confort dal proprio materasso a molle è

necessario una base il più possibile uniforme, quindi o un piano rigido che

però non permette al materasso di respirare nella parte sottostante o una base

realizzata con doghe che devono essere separate le una dalle altre da

un'ampiezza massima di 6 cm e ovviamente un rete che sia almeno grande come il

 

Dalla combinazione di questi fattori , dalla qualità dei materiali e dalle

tecnologie usate nasce un gamma di prodotti che possono sembrare identici ma

che spesso non lo sono.